Post

Post in evidenza

Immagine
Un paesino, Wigtown, in Scozia, non compresa nei soliti circuiti turistici, un giovane libraio alle prese con un bookshop di libri usati, dipendenti piuttosto originali, varia umanità... Questi gli ingredienti, con qualche descrizione dei panorami scozzesi e il diario di un anno di lavoro raccontato dal libraio. Piacevole lettura, rilassante e condita dal classico humor inglese. Interessante i rapporti che intesse il libraio con i suoi acquirenti, venditori e catene di distribuzione come Amazon . il negozio esiste veramente!
Immagine
Carofiglio...una scoperta! Ritorna l’avvocato Guerrieri...in realtà per me è il primo romanzo con questo personaggio...andrò a leggere gli altri! Ho apprezzato molto le disquisizioni in ambito giuridico e le strategie e le tattiche dell’oratoria forense e della persuasione.

La vita bugiarda degli adulti

Immagine
  Ho letto i 4 volumi de l’amica geniale e l ’amore molesto . Mi piace il suo stile seppure crudo nelle espressioni, ma sicuramente testimone di una realtà non sempre conosciuta. La vita bugiarda degli adulti mi ha subito coinvolta : la famiglia ‘perfetta’, moderna, all’avanguardia, ma anche in equilibrio precario. La famiglia di origine del padre, la zia alla quale non somigliare è sempre pronta a manifestarsi, a reclamare il suo riconoscimento. Cosí, da una parola detta quasi per caso, come una crepa in un vaso di cristallo, la curiosità di Giovanna inizia a scalfire il muro del silenzio, il castello di menzogne costruito dai suoi genitori. Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza comincia e procederà inesorabilmente fino a toccare il fondo di un pozzo buio per poi risalire verso la luce e riprendere a vivere. Ho amato molto la prima parte del romanzo: tenero e avvolgente, più faticosa ho trovato la lettura della seconda parte: quella della ribellione, del cinismo  a
Immagine
      Non c’è nulla che i miti greci non abbiano già raccontato ... Libro molto interessante per la storia e la sua struttura, corredato da storie mitologiche ed informazioni turistiche. L’inizio non è proprio scorrevole e la descrizione dei diversi personaggi può generare confusione, ma poco alla volta le storie iniziano ad incrociarsi e tessere la vera trama del romanzo. Avvincente e gratificante, specie per chi ha compiuto studi classici.
Immagine
Terminato! Non è stata una lettura scorrevole, anzi a tratti faticosa a causa di alcune frasi in dialetto non sempre corredate di nota... tuttavia è stata una lettura intensa, come il titolo mi faceva presagire. I due personaggi principali sono Gianni e Francesco che attraversano la loro adolescenza negli anni 80-90 nella Calabria di quel periodo attraverso musica e fatti di cronaca. I due ragazzi crescendo faranno le loro scelte di vita, uno a Torino l’altro a Milano. Si ritroveranno dopo tanti anni e scopriranno che c’è qualcosa che va oltre le scelte di vita  e quel qualcosa si chiama passato, amicizia, condivisione di momenti forti, un legame che va oltre il tempo.  Questo aspetto dei legami forti mi ha toccato molto, ci sono persone che non sento/vedo/frequento da tanto tempo, alcune mi hanno anche ferita, tuttavia sono dentro di me, nella mia vita e nel mio presente più di quanto pensassi.  L’ho definita una lettura intensa, perché i fatti narrati mi sono sembrati un pr
Immagine
Quando si dice essere sul pezzo ed esserne orgogliosi! La lingua è un atto costante di identità (cit.) Ho appena visto questo video che vi propongo.  Sono sensibile a questo argomento sin dalla pubblicazione e diffusione del manifesto delle ‘parole O_stili’, illuminante e geniale tanto da proporlo ai miei studenti, anche se con non poche difficoltà. Molti di loro infatti non utilizzano più Facebook, perché considerato ‘da vecchi e perché si parla troppo’ preferiscono instagram. Mi viene da pensare che questo sia un segnale del fatto che abbiamo già superato la lingua e siamo passati direttamente alle immagini. Se questo è vero sui social, certo non lo è nella vita quotidiana e per questo  motivo propongo le schede didattiche del manifesto il primo anno delle superiori, quando non sanno ancora cosa aspettarsi dalle ore di italiano. Devo precisare che insegno in una scuola di formazione professionale, pertanto i nostri ragazzi hanno come primo obiettivo ufficiale imparare un mes
Immagine
Letto dopo aver partecipato alla presentazione presso il Circolo dei lettori di Torino. L’inizio è stato interessante ed avvincente, ma andando avanti con la lettura è stato a tratti un po’ pesante e faticoso. È la storia di 4 generazioni di una famiglia, 40 anni di storia americana e la domanda che emerge  é se sia possibile troncare con il proprio passato, ma il libro non da’ risposte! Cambiare identità, diventare nessuno è possibile solo nella finzione letteraria. Tuttavia è un libro realistico, uno spaccato di storia americana. Mi ha ricordato Philip Roth.
Immagine
Sto leggendo   La vita attesa  di Gino Pitaro. È curioso come le letture siano collegate tra loro. Intendo dire che inizio a leggere un autore e poi mi ‘capitano ‘ altri libri molto simili nelle storie e nei contenuti... mi piace pensare ad una sorta di filo invisibile che tiene in contatto ogni cosa, ogni persona, ogni pensiero. Ho terminato Il   bordo vertiginoso delle cose  di Gianrico Carofiglio, é la storia di un uomo che, dopo aver letto della morte di un suo compagno di classe, decide di tornare a Bari per capire cosa sia successo. A Bari si ritrova catapultato negli anni del liceo, nel ritorno al suo passato, trova la strada per il suo futuro. Il libro mi ha fatto ripensare ai miei anni del liceo. Solo accettando il nostro passato, amandolo, possiamo andare avanti. A volte mi sembra che i periodi della mia vita siano storie a sé, vite diverse , senza legami tra loro...invece no, sono come dei capitoli di un libro, c’è un filo invisibile che tiene tutto insieme e da un sen